Marcasmus

Il mio erasmus a Madrid

…Ibiza…

Eccomi di ritorno da Ibiza, al più presto vi raccontero com’è andata per ora accontentatevi di alcune foto che come sempre le trovate qui

mayo 23, 2007 Posted by | Amici erasmus, Erasmus | 2 comentarios

Tempo di cambiamenti

Come potete vedere ho deciso di cambiare la grafica del blog. Ogni tanto è bello cambiare e non c’è un motivo particolare per cui ho preso questa decisione…

Spero che vi piaccia, mi piacerebbe avere le vostre opinioni…

mayo 9, 2007 Posted by | Varie | 1 comentario

Un angolo d’Italia a Malasaña

Strano direte voi… Eppure il mio girovagare e conoscere gente sempre nuova, questo fine settimana, mi ha portato in un localino veramente carino nel cuore nel quartiere più cool di Madrid. Il locale in questione si chiama ‘aroma+’, gestito da Fabrizio un ragazzo italiano molto simpatico e cordiale.

Il locale è accogliente e l’aria che si respira è familiare, insomma se cercate un locale dove passare alcune ore per staccare dal solito fuggi fuggi quotidiano ascoltando della buona musica, o sorseggiando del buon vino, o magari solo un posto dove passare alcune ore in compagnia dei vostri amici… allora dovete farci assolutamente un salto e vi assicuro che mi darete ragione.

Arrivarci è semplicissimo, sta in calle la palma 25, se siete un pò pratici della zona conoscerete sicuramente la via o ne avrete sicuramente sentito parlare.

aroma_logo

Qui trovate il percorso per arrivare da Fabrizio dalla fermata di metro Tribunal.

mayo 7, 2007 Posted by | Amici, Amici erasmus, Erasmus, Locali, Varie | Deja un comentario

Feria de Abril (Sevilla)

Fine settimana alternativo ma anche molto stancante per me e lo zio Fabio. Ci siamo recati in quel di Sevilla in occasione della ‘Feria de abril‘, manifestazione folkloristica organizzata nella ridente cittadina andalusa dove ognuno si veste con abiti tipici e si fa festa per una settimana intera (normalmente l’ultima settimana di aprile da lunedi a domenica), senza soste, come da abitudine qui in Spagna;).

Dicevo stancante perchè, il buon Fabio è riuscito a convincermi a partire senza neanche aver trovato un hostal quindi passando l’intera notte girovagando per la fiera(in spagnolo feria).

Caratteristica della festa oltre ai costumi tipici sono las casetas ovvero casupole dove si mangia, beve e balla rigorosamente con musica gitana. La peculiarità delle casetas è che non sono ad accesso libero, ma si può entrare solo se invitati, o solo se appartenenti ad una determinata assciazione o casta o club privato (per capirci c’è la caseta dei farmacisti, o dei parrucchieri, o delle varie associazioni religiose etc etc, dove ogni membro paga una quota per poter mantenere e quindi accedere alla struttura). Io e Fabio da bravi italiani scrocconi siamo riusciti ad entrare in alcune di queste casetas grazie a varie amicizie dove abbiamo potuto degustare dell’ottimo rebujito(3/4 vino bianco [manzanilla] e 1/4 seven up), i pinchitos(Spiedini di petto di pollo con paprica e altre spezie), bocaditos(panini con filetto di maiale), l’immancabile tortilla de patatas(frittata di patate e cipolla), polipeti fritti dei quali non ricordo il nome.

Valutaione: una buona occasione per degustare piatti e bavande tipiche andaluse, gente cordiale e socievole, se capitate in Spagna in questo periodo dell’anno vale la pena farci un salto.

Maggiori info le trovate su Wikipedia però solo in spagnolo.

Le inmancabili foto le trovate qui.

abril 29, 2007 Posted by | Erasmus, Eventi, Varie | 1 comentario

Vinicio Capossela´s Minotour 2007

Volevo segnalare che il 27/04/2007 presso el Círculo de Bellas Artes de Madrid ci sara il concerto di Vinicio Capossela il prezzo si aggira intorno ai 30 euro, se siete interessati…

abril 23, 2007 Posted by | Concerti, Erasmus, Varie | Deja un comentario

Chi non muore…

Vacanze di pasqua archiviate, sarebbe anche ora di rimettersi a studiare…

Una piccola precisazione prima di continuare. Se state pensando di fare l’erasmus e state chiedendo a vari amici e parenti consigli suggerimenti e altro, diffidate da chi vi dice che agli erasmus regalano gli esami, non è per niente vero, o almeno nella mia facoltà…

Detto questo posso continuare.

In patria, come all’estero, pasqua è sinonimo di primavera con relativo calo di concentrazione verso lo studio perchè inizia a fare caldo, le giornate si allungano, le giovani donne e giovani uomini (dipende dai gusti) iniziano a stare pù tempo all’aria aperta(vi posterò un pò di foto del campus dove i prati sono presi d’assalto da gente che studia, gioca, prende il sole etc etc), gli ormoni si risvegliano, insomma tutta roba che non fa bene allo studio🙂.

Ma dato che qualcosa bisogna pur fare… Personalmente ho risolto cosi: visto che mi tocca stare davanti al computer per scrivere alcune cose per l’uni, mi sono trovato il passatempo ideale comprandomi il cellulare nuovo cosi nelle pause studio lo sto configurando pian piano con la mia linux-box, la quale finalmente funziona alla perfezione sul mio portatile.

nokia-n70.jpg

Il cellulare in questione è l’n70 che a mio modesto parere è un gran bel telefono, l’unica cosa che mi lascia perplesso è il sistema operatico symbian. Dato che gia ho avuto un cell (nokia 3650) con questo tipo di OS non mi ha lasciato particolarmente soddisfatto, ma dato che questa è una evoluzione dei quello montato sul 3650 spero che abbiano sistemato un po di bachetti.

Beh! come avrete capito non mi sono comprato il cell per starmene chiuso in casa mentre fuori impazzano le belle giornate, non sono cosi matto, era solo lo spunto per farvi partecipi del mio ultimo aquisto😀.

A presto…

abril 17, 2007 Posted by | Erasmus, Varie | 1 comentario

Feliz semana santa

Buona Pasqua a tutti!!

O come si direbbe in Spagna

Feliz semana Santa!!

abril 3, 2007 Posted by | Erasmus, Varie | 1 comentario

Las Fallas

Ho passato l’ultimo fine settimana a Valencia per vedere una delle feste più famosa di Spagna. Sinceramente cosa si celebrava non l’ho capito molto bene(anche perchè ognuno mi ha dato varie spiegazioni) , c’erano tantissime statue di cartapesta fatte veramente bene, ho assistito allo spettacolo di fuochi d’artificio più bello che abbia mai visto in vita mia, ma la cosa che mi ha lasciato senza parole sono state le tonnellate di petardi che ho visto sparare nella mia breve permanenza.

La spiegazione che da Wikipedia delle Fallas è la seguente:

Las fallas (les falles in valenciano) sono feste di interesse turistico internazionale che si svolge ogni anno a Valencia dal 15 al 19 marzo in onore di San Giuseppe (San José) patrono dei carpentieri.

Prendono il nome dalle costruzioni artistiche fatte di materiali combustibili, come cartapesta e legno, che rappresentano figure e composizioni di elementi tratti dalla attualitá valenziana. Queste costruzioni, definite come monumenti, sono delle colossali creature che artisti e scultori locali realizzano durante tutto il corso dell’anno. Nella maggior parte dei casi esse rappresentano, in forma satirica, personaggi e situazioni tratte dall’attualità valenziana. Il costo economico di questi monumenti viene sopportato da una specie di club di quartiere denominati anche essi Falla, gestito da una cosidetta Commisione Fallera. Ogni anno vengono premiate quelle che riescono a emergere per la spettacolaritá, per le dimensioni o per i temi trattati. Questa festa é molto sentita dai valenziani che si involucrano nel processo crativo durante tutto l’anno e che poi vedono sfumarsi sotto il fuoco in poche ore nella denominata cremá.

Con l’occasione inauguro un nuovo spazio per le foto non perchè Flickr non mi piaccia ma solo perchè ho finito lo spazio disponibile per un account gratuito, e dato che ho trovato Picasa (Made in Google) che offre lo stesso servizio ma senza limiti di spazio ho deciso di fare la migrazione (decisione che mi è costata 3 mesi), comunque le vecchie foto postate su Flickr rimarranno sempre disponibili (metti caso che decido di comprare lo spazio🙂 ).

Le foto le trovare qui.

marzo 20, 2007 Posted by | Erasmus | 2 comentarios

Free Mastrogiacomo

marzo 9, 2007 Posted by | Varie | Deja un comentario

Relax

marzo 4, 2007 Posted by | Erasmus | Deja un comentario